21.10.10

Aurora

Archiviato in Argomenti vari, Società taggato at 09:55 by lucio

collinr
Di colpo l’Aurora
E’ già la terza volta, che mi sveglio, apro gli occhi …buio.
Questa volta non mi riaddormento, i pensieri iniziano ad affollarsi.
Mi sistemo meglio nel letto ed assaporo il calduccio, cerco di non pensare per ritornare tra le braccia di Morfeo, ma…ormai sveglio, con stizza mi alzo.
Cerco di fare qualcosa per poi rimettermi a dormire… la notte è lunga.
In cucina le tende sono alzate e filtra una debole luce, do per scontata che sia quella del lampione della strada, ma… è una luce diversa…rimango perplesso.
Si è l’Aurora… non cercata… diretta.. con il suo manto rosaceo che man mano si estende sopra gli alberi e le colline.
Inavvertita.. improvvisa..che bellezza!
aurora
 

28.09.10

Nei campi di Ighina

Archiviato in Argomenti vari, Società taggato at 14:32 by lucio

                               
ighina
                             
Personaggio davvero interessante Ighina Pier Luigi (Milano, 23 giugno 1908 – Imola, 8 gennaio 2004). Studioso della natura e dei fenomeni elettro-magnetici, ha realizzato vari strumenti applicativi delle sue teorie.
Ighina ha compiuto studi per rigenerare cellule morte, neutralizzare gli effetti dei terremoti, allontanare o avvicinare nuvole ecc.
Particolare il concetto di ritmo magnetico Sole-Terra: l’energia solare, arriva alla terra in forma spiraliforme e riscalda tramite frizione, mentre dalla terra partirebbe una spirale contraria.
Lo scontro tra queste due particelle pulsanti creerebbe la vita e la materia, ognuna caratterizzata da un proprio ritmo.
Ma, quello che più mi ha interessato dei suoi studi è il concetto dell’IO, molto similare al concetto del “punto di unione” di Castaneda.
Secondo Ighina: nell’uomo ci sono tre campi magnetici, uno nella testa, in cui c’è la sensibilità e la mentalità, un altro nel torace, sede della vitalità e della sfera emotiva-sentimentale; un altro ancora, nella regione pubica, sede  della reattività sessuale.
Questi tre campi comunicano e interagiscono fra di loro.
Il nostro Io oscilla continuamente tra questi campi ma predilige, in quest’epoca, il centro  mentale; comunque a seconda di dove si trova il nostro io, si vede il mondo in maniera diversa e si ci si sente separato da esso. Solo quando ci si ritrova al centro del cuore, si percepisce l’unità del tutto.

 

11.09.10

Senza pace

Archiviato in Argomenti vari, Società at 16:07 by lucio

diavoletto

Stanotte ho sognato di star in un bel posto, con gente tranquilla, conviviale, quando improvvisamente avverto l’arrivo di molestatori…e subito mi ricompatto e mi preparo alla lotta.

Anche in paradiso non c’è pace!

03.09.10

Cunicoli etruschi

Archiviato in Argomenti vari, Società taggato at 17:14 by lucio

  IPO6_1~1
 
I cunicoli, sono delle misteriose strutture: non larghe più delle spalle di una persona, ed alte, tanto quanto che la testa per poco non rasa il soffitto.
 
Il sottosuolo delle città etrusche tufacee ne è pieno, così pure la campagna.
Dal lontano 1970, mi ci sono avventurato più volte con titubanza! …alcuni presentavano anche crolli.
 
Ne ho visti che: trapassavano un costone tafaceo da parte a parte, altri che si inoltravano all’interno delle colline …altri ancora che costeggiavano i fianchi delle stesse.
 
Che dire?
Canali di irrigazione?
Captatori di sorgenti sotterranee?
…bah!
Vie di rifornimento in caso di assedio o di fuga?
 
Certo gli usi nei secoli possono essere stati tanti.
 
Sicuramente l’aspetto più misterioso e affascinante che queste strutture
fanno presagire è la ritualità che vi si svolgeva.
Dentro il corpo della grande Dea Madre la Terra.

27.08.10

Bagno di sole

Archiviato in Argomenti vari, Società taggato at 15:57 by lucio

scn0057
In aperta campagna
mi sono inoltrato.
 
Fermandomi, eretto,
al centro di un vasto prato.
 
Il sole, già alto era.
 
Per un attimo,
l’ho guardato al cuore e…
seguendo le sue onde pulsanti,
che entravano negli alberi,
nell’erba e in me…
ho percepito… l’unità della natura.
 
Sensazione di benessere e,
ricaricamento  energetico…
poi… iniziando a surriscaldare…
sono ritornato sui miei passi…
felice del salutare bagno di sole.

28.07.10

Vuoto mentale

Archiviato in Argomenti vari taggato at 20:03 by lucio

94appeso
 
Seduto davanti al computer, sono tutto proiettato e in tensione per svolgere le solite operazioni.
 
Oggi la meccanica operativa del computer è lenta, molto lenta, più lenta di quando è lenta, e nell’attesa dell’evento (che compaia il blog) penso a questo e a quello.
 
Alla fine perdo la speranza che si risolva in tempi appropriati e fra me mi dico “sarà quando vorrà”.
 
Stacco la tensione dal computer e improvvisamente, sorpresa: il “vuoto”, mi accorgo per la prima volta che c’è del ”tempo” , “io e il tempo”; la mente non fantasticava e nella sua programmazione non aveva considerato l’evento.
 
Strano, ero presente come al solito, ma la mente vuota; e pur per anni avevo fatto tanta meditazione: togli quello, rilassati ecc.  raggiungevo la calma…ma dopo questa esperienza…vuol dire che la mente c’era, anche se io pensavo di no.
 
Comunque la mente si è rifatta subito presente, e aspettando i tempi lunghi del computer, metto in ordine alcuni oggetti nella stanza.

22.07.10

La casa

Archiviato in Argomenti vari, Società taggato at 17:24 by lucio

becco 111
La casa “propria”.
Un conoscente molto tempo fa, mi invitò insieme ad altri amici a raccogliere ciliegie non lontano dal suo podere.
 
Ci incamminammo per un viottolo incassato di campagna, in un terreno molto ondulato, che non permetteva uno sguardo panoramico.
 
Si decise, per abbreviare i tempi, di prendere una scorciatoia, si salì il greppo del sentiero e si iniziò a passare per un campo, fatti alcuni passi in salita, il campo diventava pianeggiante, e qui all’improvviso vidi un poderetto…
fu istantaneo… la mente non fece in tempo a dedurre alcun che, che tutto il mio corpo fu “preso”, percepii l’armonia delle sue dimensioni…della porta, della finestra… e fu… la simbiosi.
Mi avvicinai alla porta socchiusa, guardai dentro, il pavimento era in mattoni di cotto e il soffitto in travi di legno, che bello!
Un pensierino mi venne (di comprarlo)… ma fu …ino, perché la montagna di problemi che a quel tempo mi gravavano, lo cacciarono indietro.
Comunque ancor oggi la percezione di quella visione mi gratifica.
 
p.s. il disegno mi è venuto un po’ storto, non sono un disegnatore…heee!

17.07.10

La Pietra

Archiviato in Argomenti vari taggato , at 14:42 by lucio

pietra bianca
Stabilità interiore
a lungo cercata,
qualche assaggio
già mi gratifica.
Rilassato e calmo
sto, in questo
mondo agitato.
imperatore
 
Delle carte “dell’imperatore” mi sono sempre interessati i troni.
In molte carte il trono è di pietra.
Il cubo (mi pare eccessivo denominarlo trono),da alcuni é considerato costituito da pietra, da altri fatto d’oro.
Essere assiso sulla pietra è simbolo di stabilità e l’imperatore lo è; uomo potente, garante dell’ordine, dal giudizio inappellabile, possiede la padronanza della natura e da’ soluzione ai problemi materiali.
La pietra conferisce regalità.
Alcune pietre, sono fonti energetiche e considerate sedi di divinità.
Vari sono i modi per prendere energia dalla pietra: seduti o sdraiati su di essa o anche semplicemente con un piede appoggiato sopra di essa, come facevano gli aruspici.
aruspice pietra
Che le pietre hanno varie proprietà è risaputo…ma che mandino raggi come laser?
 
 
 

08.07.10

Volare

Archiviato in Argomenti vari, Società taggato at 11:20 by lucio

animali104
Dal nido… occhi aperti
al mondo e movimenti
fluidi dell’essere.
Intorno nubi minacciose
che improvvisamente
flagellano…anime di nido
che cadono colpite.
Poche si salvano
dalla furia distruttrice;
mi rifugio nell’accogliente dimora,
creata di soffici
piume ed erbe.
Raccolgo le ali
scrutando il cielo.
Non so se è giunta l’ora
serena,  ma le ali
si dispiegano e
con un salto
volo nell’infinito.

29.06.10

Venere

Archiviato in Argomenti vari, Argomenti vari, Società taggato at 21:58 by lucio


e06_rsm01
 
 
 
Serata calda.
Davanti al computer
si resiste poco.
Esco nel balcone e…
lo sguardo va
verso mezzogiorno,
dove uno spicchio
di mare fa capolino.
Desisto nell’andar
data la lontananza;
un’ora e mezza
non basterebbe.
Mi rilasso con la
frescura della campagna
che sale fino a me e,
volgendo gli occhi
al tramonto, vengo
catturato da Venere (ummm)
che spicca luminosa in
tutto il suo splendore.

« Articoli precedenti Pagina successiva » Pagina successiva »